Colata di fango a Piovene Rocchette

IMG_20190802_171554.jpg

Piovene Rocchette 2 agosto 2019 Una violenta perturbazione ha interessato a partire dall’una l’Alto Vicentino: il nubifragio, con grandine, ha interessato in particolare i comuni di Schio, Santorso e Piovene Rocchette. Bomba D’acqua proprio a Piovene: un torrente di fango ha invaso le vie Levrena, dell’Angelo e dintorni, riversando un fiume di melma in centro. Il fango è sceso dal Summano nelle vecchie vie di Piovene dove sfocia la valle detta del Torontonton. Il violento acquazzone ha portato giù decine di metri cubi di ghiaia, fino a riempire la strada al punto da coprire completamente l’asfalto. Al lavoro vigili del fuoco e protezione civile. Molti gli edifici allagati.

Forte maltempo nel VicentinoBombe d’acqua colate di fango e sassi hanno colpito oggi la provincia di Vicenza. Situazione difficile in particolare a Piovene Rocchette, dove da un bacino formato dalla forte pioggia sul monte Summano, si è scaricato un fiume di detriti che ha invaso le strade del paese, bloccando alcune case. Gli occupanti anziani delle abitazioni sono stati raggiunti e soccorsi dai vigili del fuoco. Non si registrano feriti. Nell’arco di due ore, tra le 13 e le 15, violenti temporali hanno spazzato l’intera provincia, con grandinate che hanno interessato il bassanese e altri paesi della fascia pedemontana. Nubifragi, con fulmini e grandinate, hanno interessato i comuni dell’Alto Vicentino come Schio, Thiene e Santorso. Nel bassanese sono ora in quantificazione i danni alla colture. Colpito anche l’Altopiano dei Sette Comuni, nelle zone a sud del comune di Lusiana Conco. Oltre 50 le richieste di intervento giunte al 115.

Nei Comuni padovani di Montegrotto, Abano Terme e Selvazzano si registrano interventi per allagamenti stradali e alberi caduti. Si sottolinea che la situazione meteo è attualmente in evoluzione e, quindi, l’elenco dei Comuni colpiti al momento non si può dire esaustivo. Il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, attraverso l’assessore Gianpaolo Bottacin, è in costante contatto con il Sistema Regionale di Protezione Civile che sta facendo fronte alle situazioni di rischio determinate dagli eventi odierni e quelle che potrebbero verificarsi nelle prossime ore sul territorio regionale. In merito ai nuovi eventi atmosferici, il Presidente ha provveduto firmare un nuovo decreto sullo Stato di Crisi e la richiesta dello Stato di Emergenza che rimane aperto in considerazione delle previsioni meteo per contemperare eventuali nuove situazioni che si dovessero ulteriormente verifica

Tanta la pioggia caduta oggi sulle regioni settentrionali. Oltre al Veneto, colpiti anche il Trentino Alto Adige e la Lombardia. Tra gli accumuli pluviometrici più rilevanti segnaliamo:  63mm ad Arzignano, 47mm a Trento, Daone, 46mm a Lusiana, 44mm a Conco, Niardo, 42mm a Barzio, 41mm a Villa Rendena, 33mm a Tenno, Asiago, Salcedo, 31mm a Canal San Bovo, 30mm ad Abano Terme, Colere, 29mm a San Lorenzo in Banale, 27mm a Bussolente.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...